parallax background

SEZIONE PRIMAVERA
Scuola dell'Infanzia Cristo Re

La sezione Primavera è un'esperienza educativa e didattica peculiare: accoglie e risponde ai bisogni primari del bambino che si affaccia alle prime esperienze extra familiari, garantisce spazi e tempi riservati pur offrendo il contesto di relazioni ed opportunità più ampie della scuola dell'infanzia.

Alla famiglia garantisce una continuità di esperienza educativo-scolastica e una visione unitaria del percorso di crescita del bambino stesso in un continuo rapporto tra educatrici e genitori.

Il servizio nido offerto è riservato a bambini dai 24 ai 36 mesi.

Per fissare un appuntamento scrivi alla segretaria didattica:

Rosa Popolo r.popolo@coopilpellicano.org

oppure chiama lo 051.387624
dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13

Coordinatrice attività didattiche ed educative:
Lucia Fanfoni

TEAM

 

> 1 coordinatrice

> 2 educatrici

> 2 collaboratrici

> 1 segretaria

> 1 volontario del Servizio Civile

> 16 bambini

SIAMO QUI

 
 
parallax background
parallax background

I TEMPI DELLA GIORNATA

8 - 9

ACCOGLIENZA

è un tempo delicato, dedicato alla coppia genitore-bambino. L’educatrice cerca di leggere i bisogni che manifesta il bambino in questa situazione facilitando il suo ingresso nell’ambiente scolastico. E’ insieme occasione di scambio col genitore, e ciò trasmette al bambino fiducia e sicurezza. Occorre che ci sia tutto il tempo necessario perché il bambino possa salutare il genitore e sia pronto ad intraprendere una nuova giornata con le educatrici e gli amici.

9

COLAZIONE

ha uno scopo nutrizionale, anche se non deve e non sostituisce quella consumata in famiglia, perché permette al bambino di poter avere l’energia necessaria per affrontare la mattinata ed arrivare al momento del pranzo in situazione di benessere fisico. E’ un tempo che include: una forte valenza educativa di tipo sociale rafforzando il rapporto tra educatrice e bambino e tra gli stessi bambini; e una valenza conoscitiva, l’adulto infatti coinvolge i bambini nel dialogo e in situazioni ludico-osservative.

9:30

GIOCO DELLE PRESENZE

è il tempo che segna l’inizio della giornata con il riconoscersi presenti e riconoscere l’eventuale assenza degli amici ricordandoli con parole e pensieri. I bambini presenti utilizzano la propria fotografia per posizionarla sul cartellone-immagine che si rinnova ogni anno nella forma e nella tematica. E’ un momento di condivisione, di espressione di sé e dei propri desideri, di previsione delle proposte che si potranno dipanare durante la giornata.

9:45

CURA DI SÉ

nella sezione Primavera è un tempo che si ripete più volte nella giornata e acquisisce una forte valenza educativa, permette: maggiore intimità e vicinanza tra educatrice e bambino (fisica e affettiva); individualizzazione del rapporto, l’educatrice è concentrata su quel particolare bambino e può valutarne l’acquisizione di nuove abilità e bisogni personali; incremento del benessere psico-fisico di ciascun bambino, oltre al semplice soddisfacimento dei bisogni fisiologici; scoperta del proprio corpo.

10

PROPOSTA EDUCATIVA

tutte le esperienze di conoscenza che vengono offerte ai bambini partono dal loro interesse o dal bisogno riconosciuto da parte dell’adulto. Sono iniziative che nascono dall’osservazione dei bambini e comprendono tutti gli aspetti legati alla maturazione e crescita globale della loro persona (conoscenza del sé, espressione verbale e non, attenzione, abilità manipolative e senso-motorie, ecc.)

11:20

CURA DI SÉ E PRANZO

rappresenta un altro momento educativo in cui al centro viene posta la relazione adulto-bambino. Diventa importante il rispetto dei tempi di ciascuno, dei gusti personali, della capacità di autoregolarsi, ma anche il riconoscimento dei cambiamenti che avvengono di giorno in giorno. L’alimentazione è occasione perché il bambino viva la propria autonomia, cresca nelle proprie competenze e abilità, rafforzando l’identità personale. Il cibo offre anche un altro aspetto importante oltre quello affettivo: è scoperta di colori, sapori, odori e consistenze; è quindi gioco, curiosità ma soprattutto piacere e soddisfazione. A ciò si aggiunge la caratteristica della convivialità che si esprime con relazione ricca di scambi con l’educatrice e con i coetanei.

12:30 - 14

GIOCO SPONTANEO E PRIMA USCITA

giocare è l’impegno primario del bambino. Attraverso il gioco scopre ed esprime se stesso, conosce il mondo che lo circonda, riesce a passare dalla scoperta, al gioco simbolico e alla conoscenza di aspetti della realtà. Nella giornata sono sempre attivi tempi e spazi di gioco spontaneo, nei quali i bambini possano vivere un’esperienza, sentano il proprio corpo, sperimentino e si mettano alla prova. Nel gioco spontaneo il bambino si pone in relazione con gli altri e arricchisce la sua competenza sociale. Le educatrici accompagnano e sostengono i bambini offrendosi la possibilità di conoscerli fino in fondo, progettano gli spazi per rispondere al meglio alle loro esigenze.

14 - 15:30

CURA DI SÉ E RIPOSO

come tutti i momenti di routine dedicati ai bisogni primari (cibo, sonno, bagno) tocca la sfera più intima perché ricorda al bambino la figura genitoriale e l’ambiente familiare. E’ fondamentale un rapporto di fiducia con le educatrici per passare dalla fase di veglia a quella del sonno con tranquillità. Per questo viene preceduto dalla lettura di una storia o dall’ascolto di canzoni; i bambini sono, così, accompagnati al riposo gradualmente L’ambiente deve essere sereno e accogliente. E’ importante conoscere le abitudini di ogni singolo bambino per cercare di creare situazioni il più possibile personalizzate.

15:30

RISVEGLIO E CURA DI SÉ

il momento del risveglio è un momento delicato, le insegnati e le educatrici svegliano i bambini uno ad uno, aiutandoli ad alzarsi e a fargli mettere le scarpe. In fila si va verso il bagno per il cambio e per prepararsi alla merenda.

16 - 16:30

MERENDA E USCITA

è il tempo in cui si riallacciano le relazioni familiari (genitori, parenti stretti o baby-sitter) e definisce la chiusura del tempo comunitario. E’ un tempo che deve conciliare il passaggio dalla scuola alla realtà esterna comprendendo gli aspetti emotivi che naturalmente accadono (relazioni, bisogni, spazi e tempi del tutto diversi). E’ un momento “di qualità” tra educatrice e genitore in cui la comunicazione è fondamentale: viene raccontata la giornata trascorsa e i piccoli traguardi raggiunti dal bambino.

parallax background

OFFERTA FORMATIVA

CONSULTA LA NOSTRA DOCUMENTAZIONE PER CONOSCERCI

 

Scuole Il Pellicano

Progetto educativo

Piano di lavoro annuale

 
parallax background

Più che scuola

Quando la scuola può essere più di un semplice luogo,
un'occasione d'incontro e di crescita

parallax background
parallax background

ACCADE NELLE SCUOLE IL PELLICANO

15 Luglio 2020

Mi prestate le vostre mani?

Un muro bianco che diventa murales presso la Scuola Primaria Il Pellicano. È nato dalla ricerca di un’esperienza di costruzione insieme e dal desiderio che il […]
8 Luglio 2020

1 anno di Scuole il Pellicano

–> Scopri il nostro diario di bordo
15 Giugno 2020

#DIARIODIBORDO

A casa come a scuola, uno spazio dedicato alle attività giornaliere delle Scuole Il Pellicano. -> Diario di bordo